immobiltime.it - Soluzioni Immobiliarie

Consulenza Immobiliare con personale qualificato e Tecnica, Affitto Estivo

Leggi tutto
immobiltime.it - Soluzioni Finanziarie

Mutui, Finanziarie, Cessione 5° dello stipendio, prestito personale

Leggi tutto
immobiltime.it - Soluzioni per le Imprese

Finanziamenti agevolati,Sviluppo Italia, Prestiti Artigiani, Commercianti

Leggi tutto
immobiltime.it - Servizi Vari

Consulenza Tecnica - Legale - Immobiliare - Creditizia - Assicurativa, Noleggio

Leggi tutto

FAQ

FAQ

Cosa sono le spese di istruttoria?

Le spese di istruttoria sono i costi che l’intermediario finanziario richiede per la gestione della pratica. In genere queste spese sono addebitate direttamente sull'operazione finanziaria e vanno a comporre il TAEG dell'operazione di finanziamento.

Cos’è il TAN?

Il TAN, Tasso Annuo Nominale è l'effettivo interesse che si paga per avere una determinata somma di denaro. E' espresso in percentuale, è su base annua e non rappresenta l'interesse globale dell'operazione di finanziamento, in quanto non comprende i costi dell'operazione, gli oneri assicurativi, le provvigioni, le imposte e tasse.

Cos’è il TAEG?

Il TAEG, Tasso Anno Effettivo Globale è il costo reale dell'operazione di finanziamento. E’ espresso su base annua e comprende sia il TAN che tutti gli oneri accessori e le spese (istruttoria, apertura pratica, incasso delle rate, asscurazioni...).

E' possibile estinguere anticipatamente un finanziamento?

Certo, è possibile in qualsiasi momento, come previsto dalla legge È comunque consuetudine che siano applicate delle maggiorazioni (penale, di solito non superiore all’1% del capitale residuo) sulla quota da restituire, per questo è sempre opportuno prendere visione di quanto riportato nel contratto e nel foglio informativo relativo alla tipologia di prestito accordato e concesso ed, inoltre, farsi consegnare il piano di ammortamento, nel quale sono riportati: tutte le rate - la data di scadenza di ogni rata - la quota interessi di ogni rata - la quota capitale di ogni rata - il capitale residuo ad ogni scadenza - il debito residuo.

Cosa bisogna fare se si vuole estinguere anticipatamente un finanziamento?

Occorre innanzitutto effettuare la richiesta per iscritto, che deve essere inviata all’ente finanziatore con raccomandata con ricevuta di ritorno.

Bisogna poi:

1. richiedere il conto estintivo del finanziamento (ovvero la somma necessaria per la chiusura dell'operazione di finanziamento) e controllarne l'esattezza verificandolo con quanto riportato nel contratto di finanziamento originario e nel piano di ammortamento;

2. se tutto è in regola, si deve procedere con l'estinzione del prestito tramite bonifico bancario;

3. inviare copia della ricevuta del bonifico all'ente finanziatore;

4. richiedere una liberatoria all'ente finanziatore, nella quale sia espressamente riportato che il prestito contratto è stato estinto.

Cosa succede in caso di mancato e ritardato pagamento di rate di rimborso?

Nel momento in cui si ritarda o non si paga per nulla una rata di rimborso di un prestito personale si diviene inadempienti nei confronti dell'ente finanziatore e si viene iscritti nei Registri dei cattivi pagatori o protestati (CCIA, Centrali Rischi e Banche dati Italiane CRIF, CTC, EXPERIAN), che sono condivisi da tutto il sistema bancario, cosa che preclude l’accesso al credito. Una unica tipologia di finanziamento non segue questo iter: il prestito tramite cessione del quinto dello stipendio. Infatti, nel caso in cui non sia rimborsata una o più rate, non è previsto dalla normativa vigente in nessun caso la segnalazione di mancato rimborso. Questo avviene in quanto nella cessione del quinto il soggetto preposto al rimborso della rata è sempre e comunque il datore di lavoro e, quindi, nel caso di mancato rimborso, chi ha richiesto il prestito non può essere ritenuto direttamente responsabile del mancato pagamento di una o più rate e, quindi, non iscrivibile nelle banche dati suddette.

Come è possibile cancellarsi dalle banche dati e pubblici registri?

Occorre, prima di tutto, sanare la posizione debitoria e richiedere la cancellazione dalle Centrali rischi (nei tempi e nei modi previsti dal Codice di Deontologia ). Da rilevare che il mancato pagamento di una rata autorizza l'ente finanziatore alla risoluzione unilaterale del contratto.

Chi determina i tassi di usura?

Occorre, prima di tutto, sanare la posizione debitoria e richiedere la cancellazione dalle Centrali rischi (nei tempi e nei modi previsti dal Codice di Deontologia ). Da rilevare che il mancato pagamento di una rata autorizza l'ente finanziatore alla risoluzione unilaterale del contratto.

Quali sono i principali Organi ed Associazioni a supporto del consumatore in ambito di finanziamenti e crediti?

La Banca d’Italia, che svolge operazioni di vigilanza su tutte le aziende che operano nel settore del credito (principalmente tramite l'Ufficio Italiano Cambi). Sito Web: www.bancaditalia.it

L’ADUSBEF, Associazione a tutela dei servizi bancari, finanziari, assicurativi, alla quale è possibile rivolgersi per consulenze e supporto al consumatore. Sito Web: www.adusbef.it

LA CRIF, Centrale Rischi dove vengono iscritti tutti i finanziamenti richiesti da privati e vengono registrati ritardi di pagamento (registro cattivi pagatori) Sito Web: www.crif.com

Il Consorzio a tutela del Credito, costituito fra Società finanziarie e Enti creditizi operanti esclusivamente in Italia, nel comparto del credito al consumo e dei prestiti personali. Sito Web: www.ctconline.it

Login